A Boston l'inaugurazione dell'ampliamento dell'Isabella Stewart Gardner Museum di Renzo Piano

Centodieci anni dall’apertura ufficiale ed una storia di oltre settant’anni di mostre eclettiche ed esposizioni eterogenee, sviluppate nelle sale del palazzo costruito nel 1903 per volere della collezionista Isabella Stewart Gardner. Dopo quasi un secolo gli spazi voluti dalla celebre patrona americana delle arti vengono ampliati grazie al progetto minimalista di Renzo Piano, che riconsegna alla celebre istituzione culturale, con sede a Boston, una immagine inedita e contemporanea. Gli oltre 1.500 metri quadri – completati da circa una settimana e suddivisi entro quattro scatole geometriche collegate tra loro da un atrio comune dotato di corpi di risalita - sono rivestiti da un cladding di lastre di vetro opaco poste verticalmente. I giunti in rame pre-patinato e l’identico colore verdastro scelto per i pannelli richiamano visibilmente i caratteri tipici della metropoli nordamericana, che, storicamente, ha fatto largo uso del medesimo metallo nella quasi totalità degli edifici dei quartieri centrali. Sviluppata sin dal 2004 e completata grazie ad una estensiva campagna di raccolta fondi, l’ampliamento dell’Isabella Stewart Gardner Museum, firmata da Renzo Piano, attende ora solo l’inaugurazione ufficiale delle nuove sale espositive, decretata per il 19 gennaio 2012.
Categorie: Eventi