Pubblicato il 20 febbraio 2013

2 miliardi per l'housing sociale

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del 16 luglio 2012 che elimina il tetto agli investimenti della CdP (Cassa Deposito e Prestiti): si tratta in realtà del via libera, atteso da mesi e formalizzato nei giorni scorsi, ai fondi  da 2 miliardi di euro destinati ai programmi di social housing ancora inattivi. Fino a questo momento la crisi e il credit crunch hanno infatti impedito sia l'utilizzo della leva sia l'accensione di mutui. Grazie alla rimozione del tetto al 40% degli investimenti da parte del Fia-Fondo investimenti per l'abitare, la liquidità mancante potrà arrivare sempre dal fondo di Cdp. Le autorizzazioni formali e i passi attuativi verranno evasi nell'arco dei prossimi due mesi
Ad oggi il fondo Fia - che ha una liquidità di oltre due miliardi - ha assunto delibere per un impegno pari a 600 milioni. Le delibere definitive riguardano investimento per un valore di 300 milioni. I progetti oggetto di investimento sono 89 e valgono, sempre secondo la valutazione dei gestori della Sgr, tre miliardi di investimento.