110 miliardi destinati all'Housing Sociale a Trento

Sono 500 gli alloggi da destinare a canone moderato, di cui cinquanta in legno realizzati secondo i criteri Arca, che dovranno essere costruiti/ristrutturati attraverso lo strumento del Fondo di Housing Sociale Trentino. L’investimento sarà pari a 110, ma la Provincia Autonoma di Trento sta attuando una serie di interventi tra i quali quelli rivolti alle cooperative edilizie, il sostegno per il risanamento a fini locativi, gli incentivi a imprese e privati per il canone moderato e il Fondo di garanzia.
I destinatari dovranno essere cittadini dell'Unione Europea, risiedere in Trentino da almeno tre anni, avere una condizione economico/patrimoniale tra 0,18 e 0,39 dell’indicatore Icef, non essere titolari di un diritto di proprietà o usufrutto su altro alloggio idoneo.
Il Fondo offrirà in locazione gli alloggi in disponibilità ai soggetti inseriti nelle graduatorie formate dagli Enti locali secondo criteri che privilegiano la residenza nel Comune in cui sono realizzati e la condizione di giovane coppia. 500 è il numero degli alloggi da realizzare, principalmente nelle zone ad alta tensione abitativa dove la domanda è maggiore; 110 milioni di euro è l’investimento stimato; 25 milioni di euro circa è l’investimento della Provincia come equity; 50 milioni di euro circa è l’investimento della Provincia come sostegno al canone; 25 sono gli anni di durata del Fondo a partire dal primo Closing; 60% del valore del Fondo la soglia massima dei prestiti assumibili; 100.000 euro il valore nominale di ciascuna quota.
Per agevolare l’acquisto della prima casa da parte di soggetti aventi i requisiti dell’edilizia agevolata, la Provincia per il 2013 ha deciso di intervenire a favore di cooperative edilizie finanziandole con contributi in conto capitale ed abbattimento degli interessi sui mutui; l'intervento riguarda complessivamente 181 alloggi.(Fonte www.regioni.it)