Focus: LEGNO
Pubblicato il 15 luglio 2015

Torri di legno

L’ipotesi di realizzare grattacieli con struttura lignea non è poi così fantascientifica (il Canada si sta già dotando di una Technical Guide per la progettazione e la costruzione degli edifici alti in legno che cerchi di riassumere le principali questioni che caratterizzano la tipologia): la possibile sostituzione, almeno parziale, dell’utilizzo del calcestruzzo (responsabile del 5% delle emissioni globali di CO2) con un materiale come il legno, capace di immagazzinare anidride carbonica (andando in una direzione tendente all’obiettivo zero carbon) può e dev’essere una delle tematiche di ricerca per i progettisti di oggi e di domani. Il legno, essendo un materiale rinnovabile che cresce grazie alla luce solare, ha bassi valori di Embodied Energy e Carbon-Footprint (valori esclusivamente legati alle fasi di lavorazione e trasporto) e, da un punto di vista strutturale, risulta per alcuni aspetti competitivo con materiali come l’acciaio ed il calcestruzzo.
Attualmente, edifici alti nove e dieci piani son già stati realizzati in Europa ed in Australia impiegando il legno come principale materiale per la loro struttura, ed in alcuni concorsi di progettazione son stati proposti edifici alti 30-40 piani caratterizzati da una struttura lignea. La questione principale sta quindi nell’investigare l’altezza massima raggiungibile da un “edificio alto in legno”.

Autori: Dario Trabucco, Mattia Mercanzin
Pubblicato su Modulo 395/2015