Pubblicato il 4 settembre 2014

(formazione) NZEB. L'edificio a consumo quasi zero

I punti cardine della progettazione di un “nZEB” sono il contenimento del fabbisogno energetico e il suo soddisfacimento tramite fonti di energia rinnovabile. Ciò comporta scelte strategiche volte all’ottimizzazione di soluzioni di involucro e all’utilizzo di sistemi impiantistici a basso consumo, oltre che una valutazione globale del sistema edificio-impianto, un approccio multidisciplinare al progetto e una scelta di soluzioni architettoniche e costruttive sinergiche e integrate con quelle impiantistiche. 
L’involucro edilizio assume pertanto una rilevanza fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo “zero energy”: esso non è più concepito come un semplice elemento di separazione tra interno ed esterno, quanto piuttosto come un filtro selettivo in grado di mitigare e/o controllare gli effetti indotti dalle variazioni delle condizioni ambientali esterne al fine di mantenere le condizioni di comfort interno con il minor consumo possibile di energia. In altri termini gli edifici vengono ad essere caratterizzati da molteplici configurazioni di funzionamento in relazione a: stagione, periodo diurno o notturno, presenza di persone, etc., acquisendo, siano essi di semplice edilizia residenziale o di complessi edifici terziari, uno status di vero e proprio "organismo" in grado di rispondere agli stimoli esterni ed interni, così da ottimizzare costantemente il rapporto tra prestazioni e consumo di energia.

Autore: Enrico Sergio Mazzucchelli
Pubblicato su Modulo 391/2014