Focus: LEGNO

Legno: una crescita in controtendenza

Negli ultimi anni le costruzioni in legno in Italia hanno ampliato notevolmente la loro quota di mercato, seppur in controtendenza con lo scenario di contrazione degli investimenti in edilizia. Ciò è principalmente dovuto alla crescente sensibilità verso i temi del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale ottenibile attraverso un più razionale utilizzo delle risorse a disposizione. Il legno, tra i materiali da costruzione, è infatti quello che meglio coniuga ecologia e ottime prestazioni meccaniche. A dare un significativo impulso alla reintroduzione di questo materiale naturale all’interno del panorama edilizio italiano è stata poi, in larga parte, la visibilità ottenuta a seguito della ricostruzione post-terremoto in Abruzzo. Si pensi che a partire dal 2009 il legno è stato infatti utilizzato in oltre il 70% delle nuove costruzioni edificate in questa regione, in virtù del suo buon comportamento in caso di sisma ma, soprattutto, per i rapidi tempi di realizzazione in cantiere. Una recente ricerca promossa da Promo-Legno in collaborazione con Assolegno/FederlegnoArredo, dal titolo “Il mercato italiano delle case in legno nel 2010. Analisi del mercato. 
Promettenti possibilità di crescita e sviluppo del settore legno sono garantite dal settore delle riqualificazioni del patrimonio edilizio esistente, in particolare in contesto urbano. In Italia nelle zone urbane e suburbane, gli spazi edificabili sono oramai limitati; le possibilità progettuali offerte dal legno, in quanto materiale duttile e leggero, di “densificare lo spazio” ed unitamente valorizzare un immobile grazie ad interventi quali ampliamenti e sopraelevazioni, sono aspetti molto interessanti ed attuali che ancora una volta riportano questo materiale in una posizione di rilievo. Un ulteriore trend riguarda poi la diffusione di costruzioni massicce in legno realizzate con la tecnologia CLT (Cross Laminated Timber, anche conosciuta come X-LAM) per l’edilizia abitativa multipiano; un sistema costruttivo “solido”, più vicino alle abitudini dell’abitare italiano, che permette la realizzazione di veri e propri “muri di legno”, da rivestire sia all’interno che all’esterno con il materiale più adatto al contesto territoriale del caso.

Autori: Eugenia Gasparri, Enrico Sergio Mazzucchelli
Pubblicato su Modulo 387/2014
Notizie correlate