NUOVA CASA DI RINGHIERA

L’edificio è una nuova costruzione di tipo residenziale e sorge su un lotto interno che originariamente ospitava un capannone industriale e alcuni edifici di servizio. Il fronte stradale del lotto è occupato da un tradizionale palazzo milanese di appartamenti distribuiti da un ballatoio costruito attorno al 1920. A destra e a sinistra del lotto si dispongono due edifici alti cinque piani, non allineati tra di loto, con i frontespizi laterali ciechi; il progetto è generato dalla necessità di creare un rapporto tra il nuovo edificio e la cortina edilizia interna. Per questo la costruzione prende un andamento diagonale rispetto al lotto, sia per sfruttare al meglio l’orientamento che per porsi in aderenza ai due frontespizi e creare una continuità dei fronti interni. Ciò avviene anche per un uso di ampi loggiati che reinterpretando in modo contemporaneo i ballatoi permettono di raccordare tra loro le pareti prive di finestre. La palazzina ha sei piani fuori terra e un sottotetto; al piano terra, dietro l’ingresso vetrato, è ricavata una piastra di posti auto coperti con un’apertura di aereazione centrale.
La facciata è disegnata con balconi continui in aggetto con parapetti metallici che presentano sul lato esterno frangisole scorrevoli, che si ripetono uguali a tutti i piani. Verso nord invece la facciata presenta in basso un basamento con finestrature ridotte, quindi, al di sopra di un piano disegnato da una vetrata continua in vetro e alluminio dal ritmo fitto, si dispongono tre piani di logge con pilastri metallici scandite orizzontalmente da travi a C che fanno da marcapiano.
Di Rodolfo Bianchi
Pubblicato su Modulo n. 359 marzo 2010
1594 posts in Realizzazioni