LOTTO 4 DARSENA


L’edificio residenziale qui presentato vuole così rispondere e porre in relazione reciproca due scale diverse, ragionando sull’evoluzione dei modi di abitare e del loro rapporto con il paesaggio. Alla base delle scelte fondamentali del progetto vi è la grande occasione urbana della costruzione di un nuovo parco urbano e di un waterfront pubblico lungo la Darsena. 
La chiarezza dell’impianto tipologico è la migliore garanzia di questa capacità di far dialogare la scala generale della città con quella “intima” della vita quotidiana. La disposizione dei volumi, che seguono l’impostazione del nuovo disegno urbano, risponde alle viste lunghe sulla città e sul mare e al contempo costruisce uno spazio a corte aperto verso il nuovo parco. La matrice a isolato che ha da sempre caratterizzato la riforma urbana della Darsena è inflessa da accenti volumetrici che rispondono al migliore orientamento solare e alla dimensione degli spazi che fronteggiano. 
Il volume alto a nord si attesta sul nuovo waterfront e massimizza la buona esposizione degli appartamenti. Il corpo basso si piega ad abbracciare lo spazio centrale tra i due edifici. Un “ponte abitato” collega i due corpi, unificandone la silhouette verso l’acqua e creando una grande loggia aperta sulla nuova passeggiata. Lo spazio rialzato della corte si affaccia sulla scarpata verde orientata verso il nuovo parco. Il suo accurato disegno planimetrico e altimetrico crea una sequenza di accessi (la rampa carrabile che raggiunge il seminterrato e quella pedonale che guadagna la quota della corte) che fonde insieme il verde del parco e il selciato della corte. 

La simmetria della matrice ad isolato, oltre che dalle differenti altezze dei volumi, è ulteriormente articolata dal diverso trattamento dei fronti sud e nord degli edifici in relazione all’orientamento solare e alla disposizione degli spazi aperti privati degli alloggi.Crediti fotografici: Cino Zucchi Architetti
1594 posts in Realizzazioni