UFFICI VIA MONTE GRAPPA

In seguito all’aggiudicazione della gara, GBPA Architects è stata incaricata per la progettazione del palazzo ad uso uffici situato in zona centrale di Milano, in vicinanza dell’area della Stazione Garibaldi e del nuovo polo dell’area della città della moda, lungo via Monte Grappa e via dei Bastioni di Porta Nuova. Il progetto prevede il completo rifacimento di un immobile iconico degli anni 70, ex sede della Tecnimont, la cui insolita corazza in alluminio e cristallo era stata concepita per celebrare l’abilità tecnica dell’azienda, leader nel campo dell'ingegneria delle costruzioni. 
L’obiettivo del progetto è di riqualificare e migliorare l’impatto con il contesto nel quale l’edificio è collocato creando un equilibrio compositivo tra forme geometriche definite di immediata lettura e la massima complessità del luogo dove si inserisce.
A tal proposito si è scelto quindi di rimodulare l’involucro esterno con una nuova facciata vetrata curtain wall su una ripartizione degli elementi portanti che aumenti la permeabilità e la luminosità dei locali rafforzando il rapporto tra esterno e interno in continuità materica e cromatica con l'edificio esistente. La lettura dei ritmi della nuova facciata risulta meglio armonizzata e regolata sullo spartito di quella esistente, con conferma sia dei tagli verticali (attraverso elementi frangisole reinterpretati con l'uso del vetro serigrafato e lesene in alluminio anodizzato) che degli elementi di taglio orizzontale. I materiali di riferimento saranno alluminio, vetro e pietra in virtù di un linguaggio contemporaneo largamente previsto ed usato nel contesto di riferimento. L’intervento comprende una parziale demolizione di uno dei fronti, dando luogo ad una piazza interna coperta da una grande pensilina vetrata e caratterizzata da elementi di arredo e da aree verdi di riqualificazione urbana che determineranno il nuovo accesso all’edificio.
Completa l’intento di riqualificazione la creazione di un green roof con alloggiamento di pannelli solari/fotovoltaici. 

Crediti fotografici: Antonio Gioli, Federica De Leva

Post correlati

1625 posts in Realizzazioni