Caselli daziari, Piazza Sempione, Milano

L22 firma il progetto di restauro e rifunzionalizzazione degli ex caselli daziari dell’Arco della Pace, a Milano, mettendone in luce lo scenario affascinante. Il recupero degli edifici, ripensati per le diverse destinazioni d’uso della cultura alimentare, dell’arte e del territorio, è coerente con lo sviluppo della città orientato alla riqualificazione e alla valorizzazione delle sue peculiarità. 
Completati il restauro delle parti esterne monumentali e lo strip out, sono stati avviate le opere di restauro e di rifunzionalizzaione degli spazi interni, che porteranno alla rinascita dei caselli per la primavera 2017.

Cliente: Pessina Costruzioni 
Cronologia: 2013 - in progress (conclusione lavori primavera 2017) 
Luogo: Piazza Sempione, Milano 
Superfici: Casello di Levante 665 mq, Casello di Ponente 663 mq 
Tipologia: Edifici storici con destinazione Culture & Leisure 
Servizi: Concept gara Valore Paese; rilievo del monumento; progetto definitivo ed esecutivo per il restauro; riqualificazione e riconversione dei Caselli; pratiche amministrative; direzione lavori e direzione artistica; coordinamento sicurezza, strutturale e impiantistica.

La nuova storia dei caselli firmata L22
All’Arco della Pace, progettato da Luigi Cagnola in piena euforia napoleonica, sorgono i piccoli edifici gemelli degli ex caselli daziari. Voluti alla fine del Settecento quando a Milano si era resa necessaria una nuova organizzazione, i caselli avevano la funzione di dogana per il pagamento del dazio e, attraverso di essi, si accedeva all’interno del perimetro della città. L’Arco della Pace insieme ai caselli costituisce un complesso edilizio unitario che si configura come una vera porta della città anche in relazione alla sua scenografica collocazione urbana: si trova infatti in asse con il Castello Sforzesco da cui era separato dalla grandiosa piazza d’armi fino alla realizzazione del Parco Sempione. 
Nel 2014, l’agenzia del demanio ha aggiudicato la concessione d’uso e di valorizzazione a titolo oneroso ai fini della riqualificazione e riconversione degli ex caselli daziari in piazza Sempione a Pessina Costruzioni. La società ha incaricato L22 di svilupparne il progetto di rifunzionalizzazione attraverso il totale restauro e risanamento conservativo, per la salvaguardia e conservazione degli elementi storico-artistici, architettonici e ambientali.

Valorizzare i metri quadrati delle due strutture identiche fra loro, ai due lati dell’Arco, permettendo a tutti di vivere la storia. 
Questo il motore del progetto di riconversione firmato da L22. Il casello di Levante diventerà il polo destinato alla divulgazione e sperimentazione della cultura alimentare, dedicato alla ristorazione e agli eventi legati al food. Il casello di Ponente, ripensato per ospitare eventi per la valorizzazione delle eccellenze di Milano e della Lombardia, sarà il polo di diffusione dell’arte e della cultura del territorio. La proposta per il restauro e il riuso dei caselli daziari si ispira direttamente alla genesi del progetto Valore Paese-Dimore dell’agenzia del demanio, cioè all’idea di promuovere l’eccellenza italiana – paesaggio, arte, storia, musica, moda, design, industria creativa, enogastronomia – e potenziare l’offerta turisticoculturale e lo sviluppo dei territori.
Categorie: 
2305 posts in Post