Borgo San Lorenzo: elementi di efficienza energetica

Elemento cardine del progetto è costituito dalle soluzioni previste per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. L’impianto infatti consta di un sistema centralizzato con contabilizzazione dei consumi, alimentato da caldaie a condensazione a metano, con distribuzione negli alloggi tramite pannelli radianti a pavimento a bassa temperatura (35° C). L’impianto è implementato da una batteria di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria. L’energia solare copre una media di oltre il 60% della produzione di a.c.s., con punte del 95-100% nel periodo estivo. La distribuzione a ballatoio e il taglio prevalentemente piccolo degli alloggi ha permesso di convogliare tutti gli impianti interni delle abitazioni in cavedi tecnici unitari, che si concludono con corpi simmetrici che fuoriescono dalla copertura. La complessità del sistema impiantistico ha reso necessaria la creazione di un corpo edilizio separato rispetto a quello principale, dove sono localizzati gli alloggi. Tale corpo, che comprende anche la distribuzione verticale (scale, ascensore), è funzionale alla localizzazione al pian terreno dell’autoclave e ai piani superiori della centrale termica (bollitori e caldaie) e soprattutto al passaggio delle tubazioni diretto, in modo da favorire il vettoriamento dei fluidi e ridurre le perdite di carico. Il cammino della centrale termica funge da coronamento per il corpo scale, evidenziando la separazione di quest’ultimo con l’edificio principale. L’insieme delle azioni volte a ridurre i consumi di energia primaria ha contribuito al raggiungimento di un’alta efficienza energetica. Infatti l’edificio ha un consumo di energia di gran lunga inferiore ai minimi normativi, tanto da aver ottenuto la classe energetica A. 

Autore: Silvio Pappalettere
Pubblicato su Modulo 377/2012
253 posts in Approfondimenti